Prodotti, piattaforme, e l’effetto Instagram

- Android

Ho notato un comportamento chiave nel mercato del software: nel caso di attività multipiattaforma, si genera una sorta di onda anomala per cui all’arrivo di un software blasonato su una piattaforma concorrente, vengono disintegrate le alternative, a prescindere dalle criticità e dai pregi dell’una e delle altre. Mi spiego meglio.

This world will be mine…

Proprio con l’arrivo del problema dell’essere multipiattaforma, sono cominciate ad esistere nel settore informatico una serie di ricorrenze per cui un software, diventato leader di mercato, comincia a fare le sue belle cosine su una piattaforma sola e la portabilità viene considerata un po’ poco. D’altra parte, gli utenti di altri sistemi operativi, CMS, browser o cose simili cominciano a desiderare spasmodicamente quel software, e sperabilmente sfruttano potenziali concorrenti; nel campo dell’open source si incappa oltretutto nella creazione ex novo di altri software che facciano la stessa cosa, altrimenti dei volontari si uniranno a progetti esistenti per implementare le feature di cui c’è la necessità in qualcosa di già presente nel mondo dei programmi.

Contemporaneamente, però, in generale il motore immobile di tutto questo, ossia il software leader di mercato che è presente sull’altra piattaforma, costituisce il driver fondamentale per quanto riguarda le caratteristiche di ciò che un software di quel tipo deve avere. Una grossa minaccia per la creatività di chi, occluso dalla cecità istigata dalla voglia di quella determinata caratteristica, invece potrebbe sfornare tanto di buono che non viene a galla. Follow the leader. E gli altri?

… and you’re first in line

Il nostro ecosistema di software che essenzialmente fanno tutti un po’ la stessa cosa, capeggiati da un driver di mercato che detta feature e altro, è dispersivo. Ognuno coltiva il proprio orticello, e in genere anche se c’è un software più “corposo” degli altri comunque non è sufficientemente autonomo in campo di feature design da dare filo da torcere al competitor principale, anzi; spesso alcuni pregi non vengono capiti, e ci si concentra su delle cose magari risolvibili invece di prendere atto di alcune peculiarità che, magari, sarebbero decretatrici della fine di qualsiasi progetto concorrente.

Un giorno, il leader di mercato decide che i dati di crescita non sono più abbastanza grandi, oppure (e l’uno non esclude l’altro) vuole semplicemente un’altra fetta di utenza tutta per sé; lo squalo decide di mangiare il gattino in quattro e quattr’otto, e annuncia l’inizio dello sviluppo del software per la piattaforma concorrente a quella corrente. Leak di volontari, e disinteresse per i progetti che sinora erano stati tenuti in vita solo dalla volontà di vedere un prodotto simile al leader per la piattaforma concorrente, sono i sintomi più comuni dopo un annuncio del genere.

Il gigante del mercato così fagocita tutto il resto, inglobando quei progetti che, giustamente, non hanno saputo fare di meglio che restare nella sua scia invece che proporre alternative intelligenti e feature innovative che avrebbero potuto decretare il successo della piattaforma alternativa e il balzo in testa di un nuovo leader, almeno in alcune fette di mercato.

L’effetto Instagram

Effetto InstagramQuanto di cui sopra, mi piace formalizzarlo come “effetto Instagram”. L’intuizione infatti mi è venuta mentre osservavo il trend sempre crescente di Instagram su iOS, e quando ho visto la notizia della pianificazione dell’applicazione per Android ho potuto notare come molti avessero già deciso per lo switch da altre piattaforme, compreso il sottoscritto per vari motivi. Software come PicPlz e Lightbox hanno quindi ricevuto una poderosa ridimensionata al proprio volume di attività dal momento in cui Instagram ha fatto la propria comparsa sul Google Play Store.

È solo un caso, ma ce ne sono a decine di simili, come GIMP o LMMS, software assolutamente buoni ma che crollerebbero se un market driver come Adobe decidesse per qualche motivo di fare il grande passo verso Linux. Rimarrebbero software per hobbisti, gratuiti e nient’altro, non in grado di offrire niente di più.

Nel caso specifico, PicPlz ha puntato semplicemente ad essere un’alternativa ad Instagram per Android senza minimamente calcolare che il fattore che ha determinato il successo di Instagram non è stato qualcosa come la presenza di filtri (dato che quelli di Instagram fanno alquanto cagare, e scusate il francese) o la possibilità di modificare le foto, bensì la sua componente hipster (io ho Instagram → io ho un iPhone → io mi posso permettere un device da 700 euro) e la comunità su cui l’applicazione scala parecchio bene, che si è formata e adesso conta veramente tantissimi membri attivi. L’aspetto social è sempre stato sottovalutato da applicazioni come PicPlz che oltre a fare la stessa cosa che faceva Instagram la facevano pure maluccio, per quanto riguarda l’aspetto community, e infatti adesso sono state fagocitate e buttate nel calderone di quelle cose che ormai non servono più. Fine del bel sogno di gloria.

Evitare l’effetto Instagram

La parola d’ordine è solo una: differenziarsi. Fare l’Instagram dei poveri o il Photoshop aggratis è un conto, iniziare ad introdurre qualche feature degna è un altro paio di maniche. E se il tuo progetto non deve morire, deve differenziare la propria offerta da quella dei competitor, non importa quale piattaforma si prenda come riferimento.

Magari lavorare secondo la Teoria delle Nicchie di Simone ;)

Photos courtesy of jfingas, WindKoh

  • Jj

    Facebook ha comprato instagram.
    Detto questo, non tutti sono smaniosi di “socialare” le proprie foto quindi nonostante instagram per android, io mi tengo il mio bel pix-o-matic che per inciso è decisamente meglio, senza dimenticarci di camera zoom 360 e altri.
    Capisco il tuo ragionamento ma photoshop è un software con direzione pro, instagram è un software con direzione sfruttamento bimbiminkia, di conseguenza quel che può valere per un software può non valere per un altro. Osare con features innovative può funzionare con un software che ha una funzione limitata e abbastanza semplice ma potrebbe non funzionare con un software complesso e che comunque ha come competitor un leader di mercato che innova pesantemente e sensatamente ad ogni nuova versione. Spero di essermi fatto capire