Alessio Biancalana Grab The Blaster di Alessio Biancalana

About Me • Alessio Biancalana

Alessio Biancalana, classe 1990, instancabile smanettone e appassionato di tutto quello che non serve a niente. A dire il vero, credo di avere un disturbo dell’attenzione che mi fa dire “uuuh”, salire la salivazione e dilatare le pupille per qualsiasi cosa che non siano i libri “di scuola” (sia essa l’università o qualsiasi altra istituzione culturale tradizionale).

Non sono mai stato uno che sta fermo. Ho deciso abbastanza presto che della mia vita non avrei fatto null’altro che non comprendesse la sala macchine. Ho scoperto abbastanza tardi, invece, di non essere solo bravo con i sistemi operativi, prima grande passione della mia giovane mente, ma anche con lo sviluppo del software (web, nello specifico).

E così, dopo Linux ho deciso che la prossima cosa di cui avrei imparato ogni meccanismo perverso sarebbe stata il JavaScript (o ECMAScript), passando poi a valorizzare la mia formazione accademica interessandomi da un punto di vista più ampio di ogni linguaggio e dei differenti approcci possibili al software development.

Durante questi anni ho raggiunto svariati risultati soddisfacenti, come gli incontri più che ravvicinati con la community di Arch Linux, la mia distribuzione Linux preferita, vari contributi all’ecosistema open source, e una parentesi molto stimolante all’interno della comunità italiana relativa agli open data.

Attualmente sono uno sviluppatore software a tempo pieno per Uniquid, ma i side project mi affascinano, e ne ho sempre portato avanti qualcuno nel tempo libero. Per parlarne, basta scrivermi. Per il mio curriculum, c’è il mio LinkedIn.

Come si usa questo blog

Dato che non è immediatissimo, ci vuole anche un piccolo foglietto illustrativo anche per il blog stesso. Oltre i post tradizionali, che curano un argomento in maniera leggermente più ampia, nel corso di questi ultimi anni ho cominciato a scrivere dei piccoli commentari, contrassegnati con un’iconcina di due fumetti .

I commentari prendono in considerazione un articolo scritto da qualcun altro, e l’header linka direttamente quell’articolo. Clickando sui balloon invece si accede al permalink del post, dove è possibile lasciare un commento.