Alessio Biancalana Grab The Blaster di Alessio Biancalana

Un computer in ogni casa

Se penso all’utilizzo che faccio oggi del computer, rispetto a quello che ne facevo ieri, mi metto quasi a ridere. Viceversa, se penso all’utilizzo che ho provato a fare alcune volte del mio tablet, rischiando l’incaprettamento delle dita, mi viene da piangere.

È così, e non possiamo farci niente: per quanto abbiano provato ad inculcarci il concetto secondo cui possiamo fare moltissime più cose dal tablet, dallo smartphone, e chi più ne ha più ne metta, la verità dei fatti è che c’è sempre e ci sarà sempre qualcun altro che non riuscirà minimamente a usare tali strumenti come dei supporti adeguati al lavoro che fa.

Fruizione / Creazione

Purtroppo quello che viene fuori dall’esperienza d’uso di un dispositivo di questi con cui si è tanto spippolato negli ultimi anni è che per quanto potente, è adatto solo alla fruizione di contenuti. La creazione di contenuti che non siano dei meme o delle cose simili è estremamente complicata con questi attrezzi, per cui in realtà molte persone hanno abbandonato progressivamente la voglia di impegnarsi in qualcosa di più profondo (un blog?) per passare a qualcosa di decisamente più temporaneo, effimero, senza sforzo, come un post su Facebook o su Twitter. Figuriamoci quando si passa al montaggio video, al rendering 3D, cose di cui un hardware del genere non è nemmeno capace.

Il sacro monolite

Alla fine il computer desktop tradizionale non è diventato solo uno strumento professionale, ma questi marchingegni così usabili, così lisci, così perfetti, così maneggevoli, hanno contribuito in un certo senso ad aumentare l’aura mistica che circonda l’attrezzatura che normalmente utilizza un “utente normale del PC”. E allo stesso tempo, se vogliamo, ci si è resi piano piano conto che nessun form factor va bene per fare qualsiasi cosa, tranne uno: il personal computer, che così ingombrante rispetto a un tablet, ma versatile come ognuno dei nostri strumenti elettronici combinati, è comunque indispensabile per chiunque decida di fare qualcosa di più che postare su Facebook.

Credits

Questo post è scaturito da una riflessione stimolata da @Linuxbird per la #PinguiniMarciChallenge. Ed esattamente come voleva lui, non è stato pensato, non è stato “scalettato”, non è stato nemmeno (quasi) riletto.

:-)

GNOME Shell - dopo tanto tempo

Era già da un po’ che volevo iniziare a scrivere questo post, ma per impegni personali ho sempre rimandato. E ho rimandato anche quello precedente, il che è divertente: avevo infatti intenzione (e non l’ho fatto!) di scrivere, da agosto scorso, di come io sia tornato a casa, e abbia distrutto tutte le partizioni del disco rigido del mio PC fisso per tornare ad installare, dopo parecchio tempo, Arch Linux.

Back to Arch

Alla fine, renderò quel post un piccolo paragrafo di questo. Tornare su Arch Linux è, nell’ultimo anno, probabilmente la cosa più sensata che io abbia fatto con le mie macchine. Sul laptop per motivi di autonomia e assenza di voglia di sbattimento continuo ad avere macOS, viceversa sul fisso non solo ho sbragato tutto ciò che c’era di preesistente per ripartire con un ambiente pulito, ma stufo di tutti i problemini e gli impuntamenti che le altre distribuzioni mi avevano riservato (frustrandomi) ho deciso di provare a calcare la strada che una volta mi era stata più congeniale, per scoprire che è ancora il mio percorso preferito.

Forse su questo avrò da dire di più in seguito.

Ho scritto pacnews.

Ma soprattutto, ho installato GNOME Shell, la scorsa settimana, per prendermi una pausa di riflessione da KDE; ed il risultato è stato totalmente inaspettato.

Il setup

Per l’occasione, ho deciso di avvalermi di un assistente d’eccezione: così mentre il package manager sbrigava il lavoro sporco ho chiamato Gianguido, che la scena GNOME negli ultimi tempi l’ha seguita molto più di me, e gli ho chiesto consiglio.

$ sudo pacman -Rcs kde
$ sudo pacman -S gnome gnome-extra

Con i comandi di rito ho avuto un setup abbastanza pulito di GNOME sulla mia macchina. Quello che però non sono ancora riuscito a digerire della nuova GUI, purtroppo, è il tema di default che gli sviluppatori hanno deciso di disegnare ed adottare: se infatti dall’esterno può apparire anche gradevole, personalmente non lo trovo molto bello, anche se devo giudicarlo molto funzionale. Essendo stato consigliato da Gianguido riguardo l’installare un tema dato che nel tempo c’è stata una proliferazione discreta, ho optato per sostituire il secolare (ormai) Adwaita con un più ammiccante Arc, sia per quanto riguarda la GUI delle applicazioni, sia per quanto riguarda GNOME Shell.

GNOME 3 vanilla

Estensioni

Già che c’ero, mi sono fatto consigliare qualche estensione per rendere ancora più personalizzata la mia esperienza. Dato che ormai avevo sostituito il tema di default (e non volevo rinunciare a una dock) potevo anche andare all-in con le customizzazioni no?

Attualmente sono arrivato ad avere questo pool di estensioni attivo:

  • User themes, per attivare il tema personalizzato Arc per la Shell;
  • Dash to dock, per la dock: devo dire che svolge meravigliosamente il suo compito anche se va un po’ configurata;
  • Impatience, che è un simpatico trick per configurare la durata delle animazioni della Shell, dato che le performance non mi hanno convinto del tutto anche se di questo parleremo poi.

Performance

Sinceramente, il lato performance mi sembra il più grosso caveat di GNOME. Sinceramente credo di aver ritrovato un po’ di pace interiore con questa impostazione attuale (estensioni incluse), quindi sono portato a comparare il tutto al mio vecchio desktop GNOME di anni fa, preso da una memoria lasciata al volo su Facebook:

GNOME 2.30

(Poi dicono che questi social media ci fanno male)

In quanto a performance secondo me il mio ambiente attuale non è paragonabile all’ambiente di cui ho nostalgia, basato su GNOME e Compiz. Trovo però che sia un buon compromesso rispetto all’offerta attuale dei desktop Linux, che trovo funzionale ma poco prestante rispetto alle soluzioni offerte dalla concorrenza.

La cosa secondo me più grave è che per raggiungere qualcosa di decente io abbia non solo dovuto installare un’estensione per far durare meno le animazioni di Mutter (che io, per inciso, trovo esageratamente lente), ma abbia anche dovuto applicare una configurazione particolare al mio driver video che a quanto pare non era abilitata, e senza la quale, detto senza peli sulla lingua, GNOME non gira molto bene.

A lato, va detto che secondo me Mutter e la Shell hanno qualche problema con la memoria, nel senso che ne allocano molta, ne consumano parecchia, e soprattutto la Shell va riavviata dopo qualche giorno di utilizzo continuo altrimenti comincia a soffrire di un po’ di micro-lag.

Applicazioni e user experience

Nonostante l’aspetto relativo alle performance non stia proprio brillando in casa GNOME, e nonostante io venga comunque da un’esperienza Plasma 5 che al contrario è velocissimo in ogni animazione e ogni azione, sono molto soddisfatto dell’uso del desktop nel quotidiano. Le applicazioni si fanno usare volentieri, e non sento nessun tipo di mancanza in confronto ad ambienti desktop molto più blasonati come quello di macOS.

Addirittura, ho cominciato a fare qualche ricerchina per applicazioni che usino tutte le nuove feature delle GTK3, e se ne cominciano a trovare parecchie.

GNOME 3 custom

Una cosa che mi ha lasciato stupefatto è quanto Nautilus e l’handling dei file in tutto l’ambiente sia rimasto al top: nonostante qualche funzionalità in meno rispetto al passato (e infatti tempo addietro usavo Nauilus ricompilato con il patchset dell’Elementary Project), il file manager rimane una delle applicazioni più curate. Al contrario di KDE, è possibile trascinare i file da un posto all’altro (tipo, ehm, il browser) senza incorrere in side effect inaspettati. Immagino che questo sia comunque un merito dell’ambiente nel complesso (quindi di file manager, gestore finestre et al.), più che un merito del singolo programma.

L’effetto di preview delle finestre nel workspace, nonostante da queste parti sia ad utilizzo notevolmente ridotto a causa della dock, è comunque abbastanza piacevole e non mi dà così tanta noia come me ne dava i primi tempi in cui provai GNOME. Probabilmente il fattore abitudine influisce tanto su queste scelte e questi “sentimenti”, e devo dire che se ho avuto qualche difficoltà ad adattarmi a GNOME nel tempo è stato anche perché l’aggiornamento improvviso sulle distribuzioni Linux che uso di più mi ha fatto sentire un “homeless di GNOME 2” più di quanto io sia abituato a credere.

La cosa che mi fa storcere il naso di più, in ogni caso, è come il setup di default non soddisfi il mio gusto personale e come sono abituato a lavorare; il fatto che gli sviluppatori di GNOME cerchino addirittura di osteggiare le personalizzazioni è persino più grave. Però nonostante questo comincio ad affezionarmi.

GNOME 3 while working

Impressioni finali

Dopo qualche settimana di uso costante di GNOME, posso dire “viva GNOME!” seppur con qualche riserva. Esattamente come KDE va fatto del fine tuning per far funzionare tutto in modo che possa usarlo un essere umano normale. Le applicazioni sono belle, il desktop fa quello che dovrebbe fare e fa quello che ci si aspetta che un ambiente desktop debba fare. È sicuramente meno scarno di altri miei setup passati, e credo che rimarrà comunque il mio desktop environment per moltissimo tempo, dato che è esattamente quello che volevo.

Gestire le immagini statiche tramite Git: why not

Stamattina ho avuto un’illuminazione da toilette. Dicesi illuminazione da toilette quel momento chiarificatore di ogni cosa, che accade generalmente la mattina tra quando prendi il caffè e quando ti vesti. Ossia quando sei (circa) seduto sul tuo augusto trono casalingo ad espletare le funzioni corporali di un essere umano medio.

Erano mesi che ragionavo su una tematica particolare: questo blog ha sempre usato un hosting esterno per le immagini; come posso fare a portarmele dentro casa, o comunque su una piattaforma dove io abbia un controllo decisamente maggiore? Così ho analizzato varie soluzioni:

  • Amazon S3
  • Minio
  • Apache/nginx e un FTP custom
  • Un servizio di image hosting anche a pagamento

Mi è passata circa immediatamente la voglia di fare un censimento di ogni roba simile che ci fosse sull’internet. S3 l’ho escluso perché costa un pacco di soldi. Minio non fa esattamente quello che volevo io, e per concludere, beh, anche Apache o nginx non hanno decisamente la comodità di offrirmi un’interfaccia caruccia per fare queste cose.

Viceversa stamattina, l’illuminazione. Sono andato al computer, ancora con tutto lo sventramento di C aperto dalla sera prima, e ho fatto questo:

Gitlab epiphany

Vedrò di gestire le immagini (d’ora in poi) tramite Git, e un repository pubblico su Gitlab creato per l’occasione. Mi sono detto che essendo un fan di Git così assiduo (diamine, persino questo blog è basato su Git), forse ha senso provare ad approfittare un po’ di quello che offre Gitlab.

Vi faremo sapere. :-D

Intel, Linux e il mistero del tearing

(Ovvero, nel caso specifico, come velocizzare le animazioni di GNOME Shell)

Per la serie “non si finisce mai di imparare”, torniamo a parlare di Linux; al rientro dalla vacanze, nonostante l’esperienza più che discreta con Windows 10, ho deciso di dare una piallata a KDE sulla mia Arch Linux per dare una possibilità a GNOME Shell, dato che in molti nonostante io non fossi particolarmente convinto me ne hanno parlato più che bene.

A questo credo che dedicherò un post a parte; quello che invece voglio trattare in questo momento è una “feature” di cui sono venuto a conoscenza solo oggi riguardante i driver grafici Intel su Linux, che hanno cominciato a darmi qualche noia con GNOME; nello specifico con la Shell ho sempre notato che le animazioni erano veramente poco fluide, con cali di FPS a manetta durante qualsiasi effetto grafico.

Avevo deciso di classificare la cosa come un “non sei tu, sono io”, ma oggi girovagando per l’internet mi sono imbattuto in un tizio sul forum di Arch che aveva lo stesso problema, al quale hanno consigliato di puntare il dito verso l’opzione TearFree dei driver, misteriosamente disabilitata out of the box nel mio e nel suo caso.

Dopo un giretto su Arch Wiki ho trovato quello che mi serviva; ho aperto il file di configurazione dei miei driver (vuoto):

$ sudo vim /etc/X11/xorg.conf.d/20-intel.conf

E ho riempito il file con questa roba:

Section "Device"
	Identifier  "Intel Graphics"
	Driver      "intel"
	Option      "TearFree"    "true"
EndSection

E al riavvio, magicamente, GNOME è diventato performante come un ghepardo.

Quello che non capisco, è come questa roba sia disabilitata out of the box, visto l’incremento di FPS pauroso che mi ha offerto praticamente dal nulla. Su Arch Wiki c’è scritto che con il DRI abilitato anche TearFree dovrebbe essere abilitato di default. Ovviamente sulla mia macchina manco l’ombra.

Tutto è bene, quel che finisce bene.

Internet nel 1995, vista da Topolino

Il Dottor Manhattan sul suo blog racconta l’Internet del 1995 vista da Topolino. Un tuffo nel passato:

Nel bollino rosso si segnala il rischio coppini di cui sopra, perché prima dell’avvento delle tariffe flat si pagavano gli scatti della telefonata tra casa propria e “il nodo di collegamento alla rete”.

E quanti coppini ho ricevuto, io da mamma Blaster, che si è accollata certe bollette astronomiche senza mai tirare un fiato :°-)