Alessio Biancalana Grab The Blaster di Alessio Biancalana

Seven, Kalyway, ReactOS, BSD...

Uffa. In questo periodo, nessuna notizia interessante, a parte qualche piccola chicca.
Così torno a parlare dei miei smanettamenti, senza pronunciarmi sullo sviluppo dei software. O forse si :D

Fatto sta, che in un momento di noia ho installato Windows Seven. Si, mi darete del suicida, del pazzo, ma l'ho installato; e non pare nemmeno tanto male. Ovviamente, è soggetto a tutte le magagne tipiche del sistema operativo di Redmond, ma con qualcosa in più, quel tocco che lo rende un po' più carino agli occhi dell'utente. Penso perciò che Windows XP sarà presto lasciato in disparte dagli sviluppatori di qualunque programma, e tutti concederanno le proprie forze a questo piccolo gioiellino, che pur essendo un sistema operativo molto simile ai precedenti Windows, se ne diversifica per parecchi aspetti.
La taskbar è stata ridisegnata, ed è stata resa in questa versione un ibrido tra la vecchia taskbar, e la arci-nota dock, per offrire all'utente un ottima esperienza, e per dare anche un senso a quello stupido effetto di anteprima delle finestre. Adesso infatti, quando si mantiene il cursore per qualche secondo sull'icona della taskbar (che esegue anche il grouping dei processi), viene visualizzata un'anteprima di tutte le finestre che appartengono a quel determinato processo, dando la possibilità di scegliere quale visualizzare. Ottimo, quindi. Migliorato anche Aero, che adesso si comporta in modo molto più che decente, ed è più veloce.

Inoltre, il centro di controllo pare migliorato molto, così come l'impostazione della mia scheda WiFi che, udite udite, adesso riesce persino a connettersi ad una rete :D

Rinnovata quindi l'esperienza da parte dell'utente, che può quindi trovarsi un sistema abbastanza stabile sin dal primo boot, senza dover penare per aggiornamenti mastodontici o stupidi service pack.

Difetti? Beh, tutti ne hanno, e Seven non è da meno: dalla mia esperienza è emerso che fa un uso dell'hard disk leggermente elevato, e anche se questo non appesantisce la mia macchina che rimane comunque piuttosto agile nonostante effetti e antivirus vari che girano in background, potrebbe risultare un problema per macchine leggermente più datate; inoltre, in alcuni punti si vede palesemente che Seven non è ancora giunto alla fine del suo ciclo di sviluppo, infatti Aero alle volte presenta delle imperfezioni grafiche, punti neri che compaiono e scompaiono, e per due volte mi è successo di trovarmi davanti degli artefatti orrendi che rendevano obbligatorio il riavvio della macchina.

Adesso sono, ovviamente, sulla mia ArchLinux, perchè anche se Seven è un sistema decente (non mi sbilancio), il comandante non abbandona mai la barca; e la partizione NTFS sta tremando perchè vede palesarsi la minaccia all'orizzonte, l'ombra nera di una ISO che sto scaricando tramite torrent: il suo nome è Kalyway 10.5.2.

Non potendo avere un Mac per le mani, mi accontenterò del surrogato, anzi, mi divertirò un mondo, perchè penso che per far andare OSX su questa macchina, sia necessario smanettare un bel po'.

Altro punticino da mettere a fuoco: essendo un sostenitore delle memorie di massa, ho installato Seven non dal solito DVD masterizzato per l'occasione, ma dalla mia pendrive USB da otto GigaByte; a presto la guida su come fare.

E con questo, è tutto :lol:

comments powered by Disqus